domenica 31 gennaio 2010

Brioche alla Maniera "Sosso 47"

Ho scoperto che esiste un buon numero di blog francesi  con ricette senza glutine. In uno di questi ho trovato la ricetta di questa brioche. L'autrice della ricetta dice che si tratta di una preparazione più vicina ad un Kougelhopf che ad una brioche vera e propria, che lei ha preparato senza glutine. Tuttavia la ricetta originaria proveniente da un altro blog - il "Sosso 47" - è una ricetta glutinosa. Ritengo che possiate realizzarla tutti  (non solo i celiaci) perchè le dosi sono quelle originarie, viene sostituita solo la farina.


Brioche alla maniera "Sosso 47"
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 31 gennaio 2007

100 g di yogurt bianco (io ne ho usati 125 g)
100 g di burro morbido
50 g. di zucchero (per chi ha problemi con lo zucchero sostituire con un cucchiaio di miele)
1 pizzico di sale
200 g. di farina (la ricetta prevede l'uso di farina senza glutine Mix B)
2 tuorli d'uovo
2 albumi montati a neve
1 cucchiaino da caffè di lievito secco (come da prontuario AIC)
12 g. di lievito fresco

Versare in una ciotola lo yogurt, il burro, lo zucchero (o miele), il pizzico di sale e 100 g. di farina Mix B e cominciare ad impastare. Incorporare i tuorli e gli albumi montati a neve, il lievito fresco diluito in 75 g. di acqua tiepida e il cucchiaino di lievito secco. Se si vuole a questo punto aggiungere dell'uvetta secca (ammollata nel rum o nell'acqua calda). Infine incorporare gli altri 100 g. di farina Mix B. Mescolare bene e otterrete un composto non liquido, ma piuttosto cremoso. Fare lievitare in un luogo tiepido (io in forno acceso a 25°) fino a che non raggiunge i bordi dello stampo. Ho calcolato 1h e 20 m. Cuocere in forno a 180° per 30-35m.

E' venuta fuori una brioche deliziosa, di estrema morbidezza, almeno appena fatta.
Le mandorle le ho aggiunte di mia iniziativa.
L'autrice della ricetta ha provato a congelarla ed al momento di scaldarla è tornata come nuova

sabato 30 gennaio 2010

Delizia di Mele alle Spezie

Per il principio "melius abundare quam deficere" ecco l'ennesima torta di mele, realizzata con due tuorli che stazionavano in frigorifero. A questa ricetta ho apportato qualche modifica, per renderla accessibile (spero) anche agli intolleranti al lattosio.


Delizia di mele alle spezie
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 30 gennaio 2007

3 mele
200 g. di farina (io ho usato il mix di farine senza glutine per impasti lievitati)
100 ml di latte (al posto del latte ho utilizzato il succo delle mele aromatizzato alla cannella che era avanzato dallo strudel)
3 tuorli (ne ho usati 2)
1/2 bustina di vanillina
4 chiodi di garofano
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di cannella in polvere
il succo di 1/2 limone
80 g. di burro fuso (da me sostituito con 80 ml. di olio di semi di mais)

Sbucciate le mele tagliatele a metà e praticate 3 - 4 tagli sulla parte curva. Irroratele con succo di limone. Lavorate i tuorli con 100 g di zucchero a velo fino a ottenere un composto bianco e spumoso. Unite a filo il burro fuso (o l'olio di mais). Aggiungete la farina setacciata con il lievito e la vanillina, la cannella, i chiodi di garofano tritati, un pizzico di sale e infine il latte (o il succo delle mele) e mescolate bene. Versate il composto in una tortiera unta d'olio e infarinata e adagiatevi sopra le mezze mele. Cuocete a 180° per 40 m. circa.

Prima di servirla spolverizzate la torta con lo zucchero a velo.
Ecco l'interno
Malgrado le mie modifiche questa torta è squisita

Clafoutis di Zucchine e Feta

La ricetta originale con glutine la trovate QUI
Era delizioso, veramente buono... e dovrebbe più correttamente chiamarsi Flognarde visto che il Clafoutis è solo quello con le ciliegie...


Clafoutis di Zucchine e Feta
Ricetta da me pubblicata su Cis il 30 gennaio 2007

Ho sostitutito i 75 g. di farina di grano con la sola farina di riso ed ho usato uno stampo da plumcake di silicone, poi per il resto ricetta uguale uguale.


4 uova
75 gr. di farina di riso
50 ml. di panna liquida (io ne ho aggiunta un po' in più)
2 zucchine
2 cucchiai di olio d'oliva
un pugno di coriandolo tritato
100 gr. di formaggio Feta
sale e pepe

Riscaldare il forno a 180º.
Pulire le zucchine e farle a piccoli pezzi.
Farli rinvenire in una antiaderente con i due cucchiai di olio. Salare, pepare ed aggiungere il coriandolo triatato.
Tagliare la feta a dadini.
Sbattere le uova in una terrina, aggiungere la farina e la panna. Mescolare bene fino ad ottenere una pasta liquida ed omogenea. Quindi versarci i cubetti di feta, poco sale e del pepe.
Aggiungere le zucchine cotte ed intiepidite, e mescolare per amalgamare tutti gli ingredienti.

Versare in uno stampo imburrato, ed infornare per 25 minuti.
Si serve tiepido ed accompagnato da un'insalata.

giovedì 28 gennaio 2010

Panini al Sesamo



Panini al sesamo
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 28 gennaio 2007

500 g di mix B
400 g di acqua
3 cucchiai di olio d'oliva
2 albumi (facoltativi)
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaino di sale
15 g di lievito fresco
50 g di semi di sesamo


Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida con lo zucchero. Impastare in una ciotola la farina a cui avrete aggiunto il sale, con l'olio e gli albumi e aggiungere gradatamente l'acqua con il lievito sciolto. Aggiungere anche la metà dei semi di sesamo. Quando l'impasto è pronto (avrà una consistenza un po' molle) con le mani infarinate formare i panini e adagiarli su di una teglia coperta di carta da forno. Cospargerli di sesamo e metterli a lievitare in un luogo caldo (io ho usato il forno a 37°) coperti dal cellofan, per 30 m. Trascorso questo tempo cuocerli a 220° per 30-35 m. circa.
A noi sono piaciuti molto, sono molto morbidi. Ideali con le panelle siciliane...

Pesce Spada “A’ Gghiotta”

Si tratta di una ricetta messinese che mia madre prepara spessissimo!

Pesce Spada “A’ Gghiotta”
Ricetta da me pubblicata su Cis il 28 gennaio 2007

4 fette di pesce spada da 150gr. ognuna (io ne ho usate due grandi)
olio di oliva
1 cipolla media tritata con un gambo di sedano
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di capperi sotto sale sciacquati
1 manciata di olive nere snocciolate (come da prontuario AIC)
300gr. pomodori pelati (delle volte io uso i pomodorini pachino)
1 foglia di alloro
sale e un peperoncino

In una padella friggete in olio, da ambo le parti, le fette di pesce spada (operazione che io puntualmente salto per non appesantire troppo il pesce  ). Scolatele e tenetele al caldo. Nello stesso condimento appassite il trito di cipolla e sedano con l’aglio, aggiungete i capperi, olive e alloro, fate insaporire e quindi unite i pomodori ed il peperoncino. Salate e cuocete una decina di minuti. Togliete aglio e alloro. Salate le fette di pesce, disponetele nel sugo e cuocete altri 10 minuti. Servite. Attenzione i tempi di cottura possono variare, dipende dallo spessore delle fette di pesce spada.

martedì 26 gennaio 2010

Filetto di maiale allo zenzero

Ottimo! Ricetta tratta dal blog Viola melanzana



Filetto di maiale allo zenzero
Ricetta da me pubblicata su Cis il 26 gennaio 2007

500 g di filetto di maiale
1 albume
2 cucchiai di fecola di patate (consentita dal prontuario AIC)
1 cucchiaio di vino dolce (io ho usato il vin santo  )
mezzo peperone giallo (ne ho messo uno intero)
2 coste di sedano
2 cipollotti
1 peperoncino piccante
20 g di zenzero fresco
2 cucchiai di salsa di soia (usare quella del tipo TAMARI e non SHOYU che contiene frumento)
zucchero, aceto, olio e sale

Tagliare a dadini il filetto di maiale, montare a neve l’albume e incorporare il cucchiaio di vino dolce, 1 cucchiaio di fecola e il sale, immergere il filetto in questa pastella e lasciare riposare 30 m. Intanto affettatte sottilmente lo zenzero e i cipollotti e tagliate a listarelle sottili il peperone ed il sedano. In una padella tipo wok mettete 3 cucchiai di olio e fate rosolare la carne. Poca per volta, perchè la fecola contenuta nella pastella tenderà ad attacarsi al fondo e quindi voi mescolate continuamente la carne per 5 m. (non credevo ma sono sufficienti per cuocere la carne). Finito di rosolare tutta la carne mettetela da parte, buttate l’olio (lavate la padella) e mettete nel wok 2 cucchiai d’olio scaldatelo e buttate tutte le verdure prima affettate. Fate cuocere per qualche minuto (si cuociono subito) e poi aggiungere i due cucchiai di salsa di soia, il peperoncino, un cucchiaio di zucchero, uno di aceto, un cucchiaio di fecola e la carne di maiale. Fate addensare il sughetto e servite.







A noi è piaciuto tantissimo!!!!

lunedì 25 gennaio 2010

Polpo Marinato nel Vino Rosso e Salsa di Soia

Per cucinare il polpo in maniera un po’ diversa ho scelto questa ricetta dal blog Fiordizucca, e poichè è venuto buono ve la propongo.


Polpo marinato nel vino rosso e salsa di soia
Ricetta da me pubblicata su Cis il 25 gennaio 2007


500 g di polpo
2 cucchiai di vino rosso
2 cucchiai di salsa di soia (PER I CELIACI: mi raccomando del tipo TAMARI e non SHOYU che contiene sciroppo di frumento)
1 cucchiaio di semi di sesamo
riso basmati per accompagnare






Cuocere il polpo per 30 minuti in acqua bollente non salata (ma aromatizzata con mezzo bicchiere d’aceto e due foglie d’alloro). Quando il polpo è cotto lasciarlo raffreddare nella sua acqua di cottura. Quando è freddo tagliarlo a pezzi marinarlo con il vino rosso, la salsa di soia ed il sesamo. Mettere in frigo per almeno 2 ore (io l’ho preparato a pranzo e mangiato la sera). Riscaldare un po’ d’olio in una padella fare rosolare il polpo qualche minuto senza la marinata, che metterete dopo nel piatto. Servire con riso bollito.
Cottura del riso basmati (fatta per assorbimento): due tazze d’acqua portate a bollore, versare una tazza di riso ed un pizzico di sale. Attendere che il riso assorba l’acqua, circa 10 m. ed è pronto.

domenica 24 gennaio 2010

Waffel Senza Glutine

Due vecchie ricette da me inserite su Cucinainsimpatia il 23 e il 24 gennaio 2007, con le quali avevo provato il ferro per waffel di profondità media che va sul fuoco... quindi non quello elettrico ;-)... rimane comunque più semplice realizzare questi dolcetti con il marchingegno elettrico...




Waffel senza glutine


2 uova 
2 cucchiai e mezzo di zucchero 
200 ml di latte 
50 g di burro 
farina senza glutine quanto basta per ottenere una pastella che abbia la stessa consistenza della crema pasticcera (io ho usato il solito mix per torte, ma va bene qualsiasi farina gf) 
1 cucchiaino di lievito per dolci


Sbattere lo zucchero con le uova per circa 7 minuti, poi aggiungere il burro fuso, il latte e la farina setacciata con il lievito. Fare riposare la pastella ottenuta per circa 30 m. e poi cuocerle sull'apposita piastra. Nota: se metti poca pastella ottieni dei waffel croccanti, altrimenti saranno più morbidi. 
Ideali per la colazione con marmellata, nutella...  


Questa seconda ricetta è senza burro e latte, idonea quindi anche a chi soffre di intolleranza al lattosio



Waffel senza glutine


2 uova 
4 cucchiai di zucchero 
4 cucchiai di olio di semi di mais 
estratto di vaniglia 
scorza di limone 
farina senza glutine (va bene qualsiasi farina gf) quanto basta per ottenere una pastella che abbia la stessa consistenza della crema pasticcera


Mescolare tutto energicamente con una frusta, versare la pastella nella piastra per cialde ben unta e cuocere da una parte e dall'altra 

Pane del Ceccherini (Cotto in forno)

Ho seguito la ricetta di Fabrizio (Ceccherini), solo che invece di farlo cuocere nella macchina del pane, l'ho cotto in forno. Vi riporto la sua ricetta per intero, quella dove usa la farina Mix B.
Io, invece, ho usato il programma impasto della mia macchina. Ho lasciato l'impasto dentro fino a che non ha quasi toccato il coperchio. Poi l'ho tirato fuori, messo su carta da forno, coperto la teglia con il cellofan e fatto lievitare di nuovo per circa 45 m nel forno a 37°. Infine l'ho spennellato con una emulsione di acqua e olio e cotto a 200° per 35 m circa
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 24 gennaio 2007



E' una nuvola  

Lascio la spiegazione alle sue parole...


Pane di Ceccherini

PANE DI CIRCA 700 g. 
Acqua 290ml 
Olio 1 cucchiaio (olio di oliva o exra vergine non cambia niente) 
Sale 1 cucchiaino 
Farina Shar MIX B 390g. 
Lievito di birra 1/3 abbondante (Quello della casa LIEVITALIA si chiama LIEVITAL) 
Zucchero 1 cucchiaino


PROGRAMMA "BASE" E' IL PROGRAMMA che c'è gia installato sulla macchina ALICE SUL DISPLAY DEVE APPARIRE 1 - 2:53 COSI COME FIGURATO QUI!!! (2:53 è LA DURATA) 
-DORATURA "SCURA" 


INDICAZIONI DA SEGUIRE ALLA LETTERA COME PROCEDURA VALIDA PER TUTTI E TRE I TIPI DI RICETTE, FAI ESATTAMENTE COME SCRIVO QUI. 


Allora, quando compri la macchina, insieme in dotazione, ti viene dato un BICCHIERE in plastica, con la MISURAZIONE IN "ml"quindi sopra nelle ricette, troverai scritto le misurazioni in "ml" e un CUCCHIAIO in plastica con due forme, una più LARGA, che quella si intende come CUCCHIAIO e una più STRETTA, che quella si intende come CUCCHIAINO,quindi nelle ricette sopra indicate, troverai scritto CUCCHIAIO E CUCCHIAINO e sai già quale devi usare. 
Allora, gli INGREDIENTI delle RICETTE le devi buttare dentro il contenitore della macchina ALICE nel seguente ordine di SCALETTA come sono state ELENCATE sopra, rispettando i DOSAGGI ASSEGNATI ad ognuno,quando arriverai a buttare la FARINA nel contenitore della macchina ALICE ti verrà la forma di una montagnina, a questo punto con un DITO,fai un BUCHINO un po' PROFONDO nel centro, sopra la FARINA,successivamente prendi il LIEVITO e usando il dosaggio riportato come indicato sulle RICETTE,se c'è scritto 1/3 ABBONDANTE prenderai 1/3 ABBONDANTE, e lo dividi a metà,la prima metà,la prendi e con le dita la devi SBRICIOLARE nel BUCHINO (CIOE FARE A PEZZETTINI IL LIEVITO)una volta che hai buttato la prima metà di LIEVITO SBRICIOLANDOLO,ci butti SEMPRE DENTRO IL BUCHINO e quindi SOPRA IL LIEVITO,1 CUCCHIAINO DI ZUCCHERO,poi prendi l'altra metà che ti è rimasta e sempre SBRICIOLANDOLA CON LE DITA la butti dentro il BUCHINO SOPRA LO ZUCCHERO,a questo punto fai PARTIRE LA MACCHINA PREMENDO IL TASTO "AVVIO" partirà con l'impasto e subito dopo che è partito l'impasto,quando vedi che si è iniziato a COAUGULARE,ti rimarrà attaccato alla parete del RECIPIENTE un po di pasta,te che fai,ALZANDO IL COPERCHIO DELLA MACCHINA,con una SPATOLINA DI PLASTICA,ALTRIMENTI SI GRAFFIANO LE PARETI INTERNE ANTI ADERENTI,la stacchi e POI CHIUDI IL COPERCHIO,a questo punto la MACCHINA LA DEVI LASCIARE LAVORARE,durante la LAVORAZIONE emetterà dei SUONI,ma è NORMALE NON PREOCCUPATEVI,MI RACCOMANDO,NON APRITE MAI IL COPERCHIO DELLA MACCHINA DURANTE LA LAVORAZIONE fino a quando non ha FINITO TUTTO IL CICLO DI LAVORAZIONE,la durata è quella che c'è scritta sul DISPLAY 2:53 (2 ORE è 53 MINUTI) E IL PANE è PRONTO... BUON APPETITO....!!!!

venerdì 22 gennaio 2010

Focaccine al Miglio e Grano Saraceno

Le faccio spesso quando ho fretta e non mi va di attendere le lievitazioni. La ricetta proviene da un libretto di ricette senza glutine regalatomi dalla Schar ed è completamente senza lievito, quindi sono da preparare e consumare in fretta, possibilmente in giornata ;-)
Sono buone ed hanno un sapore rustico che si accompagna bene a formaggi e salumi. Credo che nulla vieti di modificare la ricetta aggiungendo un po' di lievito all'impasto


Focaccine al Miglio e Grano Saraceno
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 22 Gennaio 2007

300 g di Mix B
100 g. di fiocchi di miglio (per trovarli occorre recarsi in un ottimo alimentari ben fornito o presso un'erboristeria)
100 g di farina di grano saraceno (quella consentita dal prontuario AIC)
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di semi di finocchio
2 cucchiai di semi di girasole
125 g di yogurt naturale
300 ml di acqua tiepida
(io ho messo anche 2 cucchiai di olio di semi di mais: in questo caso ridurre, se necessario, la quantità d'acqua)

Impastare tutti gli ingredienti. L'impasto deve risultare tale da potersi lavorare bene con le mani infarinate. Realizzare ( a mani infarinate) delle piccole focaccine non troppo alte. Disporle su una teglia con carta da forno. Scaldare il forno a 50° (non di più) e mettervi dentro la teglia lasciandola per circa 10 m. Togliere dal forno, portare il forno alla temperatura di 200° e infornare per 20m.

domenica 17 gennaio 2010

Pane senza glutine al Latte e Formaggio

Sempre per la serie vecchissimi esperimenti... questo pane saporitissimo! Che oggi potete replicare usando le farine del nostro mix per pane o anche con le farine che vedete indicate nelle ricette oppure ancora farvi ispirare per cambiare ogni tanto il sapore della vostra collaudata ricetta
Quello realizzato con prevalenza di Pandea era morbidissimo!


Pane senza glutine al latte e formaggio
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 17 Dicembre 2006 

Ingredienti
350 g. di farina senza glutine per pane (allora avevo usato solo il Mix B)
350 g. di latte
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di zucchero
10 g di lievito fresco o 5g. di lievito secco
parmigiano grattugiato (saranno stati 50 - 60 g.)

Impastare tutto mettere a lievitare fino al raddoppio dell’impasto e cuocere per un’ora in forno caldo a 200°



E' un pane profumatissimo!




Variante

Ho provato la farina Pandea per pane e l’ho trovata ottima, senza particolare retrogusto, ed è senza lattosio

350 g di latte
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di zucchero
60 g di agluten
80 g di farmo senza lattosio
120 g di Mix B
150 g di farina Pandea per pane
14 g di lievito di birra
55 g di parmigiano grattugiato

Ho fatto impastare e lievitare alla mdp, al beep ho aggiunto il parmigiano. Ho prelevato l’impasto e messo in uno stampo da plum cake, ho fatto rilievitare 20 minuti in forno a 25°. Ho spennellato con acqua e olio e cotto a 180° per 40 minuti.
Morbidissimo!

venerdì 15 gennaio 2010

Focaccia Genovese del Ceccherini

Questa è la focaccia genovese con la ricetta di Fabrizio "Ceccherini".
Molto buona...



Focaccia genovese senza glutine
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 15 gennaio 2007


Per la ricetta faccio parlare lui  (copia e incolla), che è molto minuzioso. Unica notazione, Fabrizio consiglia una determinata macchina del pane, ma io ne ho una di un altro tipo ed il risultato è stato ugualmente ottimo.
Ecco la ricetta:

Ingredienti: 


Acqua 420ml 
Olio 50g (olio di oliva o exra vergine non cambia niente) 
Sale 10g 
Farina Shar MIX B 500g. 
Lievito di birra 1/2 abbondante (Quello della casa LIEVITALIA si 
chiama LIEVITAL) 
Zucchero 1 cucchiaino


-PROGRAMMA N°8 "IMPASTO" E IL PROGRAMMA che c'è gia installato sulla 
macchina SUL DISPLAY DEVE APPARIRE 8 - 1:30 COSI COME 
FIGURATO QUI!!! (1:30 è LA DURATA) 


Indicazioni da seguire alla lettera come procedura valida per la ricetta focaccia genovese 


Allora, quando compri la macchina, insieme in dotazione, ti viene 
dato un BICCHIERE in plastica, con la MISURAZIONE IN "ml"quindi sopra nelle ricette, troverai scritto le misurazioni in "ml" è un CUCCHIAIO in plastica con due forme, una più LARGA, che quella si intende come CUCCHIAIO è una più SRETTA, che quella si intende come 
CUCCHIAINO,quindi nelle ricette sopra indicate, troverai scritto 
CUCCHIAIO E CUCCHIAINO è sai già quale devi usare. 
Allora, gli INGREDIENTI della RICETTA dovete buttarli dentro il 
contenitore della macchina ALICE nel seguente ordine di SCALETTA come sono state ELENCATE sopra, rispettando i DOSAGGI ASSEGNATI ad 
ognuno,quando arriverete a buttare la FARINA nel contenitore della 
macchina ALICE vi verrà la forma di una montagnina, a questo punto 
con un DITO,fate un BUCHINO un pò PROFONDO nel centro, sopra la 
FARINA,successivamente prendete il LIEVITO è usando il dosaggio 
riportato come indicato sulle RICETTA,se c'è scritto 1/2 ABBONDANTE 
prenderete 1/2 ABBONDANTE,è lo dividete a metà,la prima metà,la 
prendete è con le dita la dovete SBRICIOLARE nel BUCHINO (CIOE FARE A PEZZETTINI IL LIEVITO) una volta che avete buttato la prima metà di LIEVITO SBRICIOLANDOLO,ci buttate SEMPRE DENTRO IL BUCHINO e quindi SOPRA IL LIEVITO,1 CUCCHIAINO DI ZUCCHERO,poi prendete l'altra metà che vi è rimasta è sempre SBRICIOLANDOLA CON LE DITA la buttate dentro il BUCHINO SOPRA LO ZUCCHERO,a questo punto fate PARTIRE LA MACCHINA PREMENDO IL TASTO "AVVIO"partirà con l'impasto è subito dopo che è partito l'impasto,quando vedete che si è iniziato a COAUGULARE,vi rimarrà attaccato alla parete del RECIPIENTE un pò di pasta,voi che fate,ALZANDO IL COPERCHIO DELLA MACCHINA,con una 
SPATOLINA DI PLASTICA,ALTRIMENTI SI GRAFFIANO LE PARETI INTERNE ANTI ADERENTI,la staccate e subito dopo ci buttate dentro l'impasto, ALTRI 50ml DI ACQUA, SUCCESSIVAMENTE CHIUDETE IL COPERCHIO,a questo punto la MACCHINA LA DOVETE LASCIARE LAVORARE,durante la LAVORAZIONE 
emetterà dei SUONI,ma è NORMALE NON PREOCCUPATEVI,MI RACCOMANDO,NON 
APRITE MAI IL COPERCHIO DELLA MACCHINA DURANTE LA LAVORAZIONE, 
quando ha FINITO TUTTO IL CICLO DI LAVORAZIONE,la durata è quella 
che c'è scritta sul DISPLAY 1:30 (1 ORA è 30 MINUTI) alla fine 
emetterà dei suoni,voi senza aprire il coperchio L'IMPASTO LO 
CONTINUATE LASCIARE ANCORA DENTRO LA MACCHINA A LIEVITARE FINO A 
QUANDO NON ARRIVA QUASI A TOCCARE IL COPERCHIO, a questo punto 
prendete una TEGLIA RETTANGOLARE e bagnate con un po' d'olio d'oliva 
tutta la base della teglia,prendete l'impasto già pronto da dentro la macchina ALICE e lo buttate dentro LA TEGLIA,fatta questa operazione coprite la teglia con un FOGLIO DI ALLUMINIO quello per gli alimenti e sopra mettete una coperta che serve per fare calore e la dovete lasciare COPERTA PER 3 ORE,quando andrete a levare la coperta L'IMPASTO sarà CRESCIUTO e si sarà ESTESO andando a riempire tutta la TEGLIA a questo punto con le dita fate 2 RIGHE PER ORIZZONTALE nella parte più stretta della TEGLIA e le tre parti gonfie dell'impasto che otterrete facendo le due righe, sopra ci fate sempre con le dita le famose DITATE, subito dopo BUTTATE IL SALE nella parte superiore dell'impasto a piacere vostro. Ora accendete il forno a 200 GRADI, quando il forno è caldo infornate la TEGLIA IN ALTEZZA MEDIA e lasciate cuocere per 25-30 MINUTI,assicuratevi prima di tirarla fuori 
che sia colorita, quando tirerete fuori la FOCACCIA DAL FORNO,la 
parte SUPERIORE si sarà formata una crosta dura,allora a questo punto prendete un BICCHIERE ci versate un po' D'OLIO D'OLIVA 
successivamente prendete un PENNELLO e lo bagnate nell'olio d'oliva 
passandolo sulla CROSTA SUPERIORE DELLA FOCACCIA GENOVESE fino ad 
ottenere una crosta morbida, la FOCACCIA GENOVESE è PRONTA....!!!!! 
EHHHH...SAPETE CHE VI DICE Ceccherini…!!! BUON APPETITO....!!!!

giovedì 14 gennaio 2010

Pane bianco senza glutine con farina Mix it! DS

Trovo che il Mix it! Ds sia una buona farina soprattutto sotto il profilo del gusto... io per mesi ci ho fatto il pane con la Mdp e lo mangiavo con piacere...


Pane bianco senza glutine con farina Mix it! DS
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 14 dicembre 2006

500g. di farina Mix It!
400g. di acqua
3 cucchiai di olio
1 cucchiaino di sale
1cucchiaino di zucchero (o miele)
8 g. di lievito secco
(facoltativo 1 cucchiaino raso di xantano)

Impasti tutto, versi in uno stampo da plum cake e fai lievitare per circa 1 ora e poi lo cuoci per 50m a 200°.
Io lo realizzo con la macchina del pane. Lo xantano lo rende solo più elastico e più morbido. Comunque anche senza xantano viene molto buono e senza retrogusto (a casa lo mangiano tutti). Se si vuol ottenere l'effetto morbidezza si mettono 2 albumi per 500g. di farina e questo vale per tutte le farine senza glutine per pane che trovi in farmacia.
Lo stesso si può realizzare interamente con la macchina del pane, programma base crosta scura.

Eccolo (le foto sono bruttine)

martedì 12 gennaio 2010

Panini Fantasia

Ricetta trovata sul librettino di ricette per pane Schar ed eseguita tal quale...


Panini Fantasia
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 12 gennaio 2007

500 g. di Mix B (farina senza glutine per pane)
450 g. di acqua gassata
1 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di zucchero
2 cucchiai d'olio
15 g. di lievito di birra fresco

Impastare il tutto. Formare i panini (si lavora facilmente) con le mani infarinate. Pennellare con un po' di latte e cospargerli di semini (papavero, sesamo, semi di girasole, cumino etc...). Fare lievitare 1 ora circa e poi infornare a 200° per 30 m.

lunedì 11 gennaio 2010

Pizza Senza Glutine

Questa pizza l'avevo realizzata con sola farina Biaglut pacco da 1 kg e cotta poi nel fornetto apposito per le pizze.  Era venuta buona, buona...
Non so se si percepisce, ma il bordino intorno è gonfio e cavo. Il sapore assolutamente identico a quello di una pizza normale, testata dal maritino (non celiaco)
Con queste dosi ne vengono 2 del tipo sottile


Pizza Senza Glutine
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia l'11 gennaio 2007

250 g. di farina gf Bi-Aglut
150 g. di acqua tiepida
2 cucchiai d'olio
1 cubetto di lievito
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di zucchero

Impastare il tutto (l'impasto risulterà piuttosto elastico). Potete stenderla subito in due teglie d'alluminio con le mani unte d'olio e farle lievitare per circa un'ora, poi condirle a piacere e farle cuocere nel forno tradizionale. Altrimenti (come ho fatto io) si può far lievitare la pasta dentro la ciotola (sempre un'ora) e poi si stende si condisce e si inforna.

domenica 10 gennaio 2010

Panini Croccanti Senza Glutine

Il primo pane che pubblicai su Cucinainsimpatia, quando facevo gli esperimenti sulle farine, usandole singolarmente e la ricetta è di Antonio del blog Cucina senza glutine, nella versione con il Mix B Schar 




Panini croccanti
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 10 dicembre 2006


500 g di farina senza glutine (ho usato il Mix B Schar) 
50 g. di farina di mais (io ho usato il fioretto) 
400 g. d'acqua 
25 g. di lievito fresco o 10 di quello secco 
1 cucchiaino di sale 
2 cucchiaini di zucchero 
30-40 ml di olio


Impastare aiutandosi con un frullino farina, sale, lievito sciolto in acqua con lo zucchero ed olio. Formare del panini da 100 g.: prendere un tocco di impasto tuffarlo in una ciotola piena di farina, rotolarlo nella farina e poi tra le mani e metterlo sulla carta da forno. Praticare dei taglietti a croce sulla superficie. Chiudere la teglia in un sacchetto di cellophan e fare lievitare per 30m-1 ora nel forno a 37° circa. Cuocere per 35-40 m. a 220°. 


p.s. questa è la stessa ricetta con la farina Biaglut pacco da 1 kg

500 gr della suddetta farina 
50 gr di mais fioretto (o la bramata per polenta ) 
330 ml di acqua 
1 cubetto di lievito (o una bustina di lievito Schar) sciolto nell'acqua con un 
cucchiaino di zucchero 
3 cucchiaini di sale 
1 uovo 
30 – 40 ml di olio di oliva 
FACOLTATIVO: aromi a piacere (p.e. rosmarino) 


il procedimento è il medesimo.

mercoledì 6 gennaio 2010

Pizza Senza Glutine al Crisp

Ho utilizzato questa ricetta Pizza Senza Glutine Di Felix nella variante con lievito madre (ma potete provare con il lievito di birra)
Ho impastato e fatto lievitare, ci ha messo circa 3 ore e mezzo - 4
Per la cottura ho preriscaldato nel forno a microonde il piatto crisp per circa 3 - 4 minuti, poi ci ho steso sopra l'impasto, condito con formaggio e prosciutto, cotto per circa 12 minuti con funzione crisp, quella con il pomodoro invece l'ho lasciata cuocere per 6 minuti senza formaggio, poi l'ho aggiunto e fatto cuocere per 5 minuti ancora.
Più o meno con i tempi di cottura ci siamo, anche se alla prossima provo a lasciarla 10 minuti, perchè ho visto che tende a biscottare (poi dipende dai gusti) comunque è venuta buonissima (non me lo aspettavo), morbida dentro e croccantina fuori.
Qui pure la bolla, ne ha fatte anche altre piccoline
Quella al pomodoro non ho fatto in tempo a fotografarla




Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 06 Gennaio 2009

domenica 3 gennaio 2010

Torta Moka Senza Glutine

Una torta buonissima, veloce (come tutte le torte con il Bimby) che chissà perché non ho più replicato... dovrò rimediare :-)

Torta Moka
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 3 dicembre 2006

1 vasetto di yogurt bianco
1 vasetto di olio di semi
1 vasetto di zucchero
2 vasetti di farina senza glutine per dolci (io ho usato il mix per impasti lievitati)
1/2 vasetto di caffè solubile (controllare il prontuario Aic)
2 uova
1 bustina di lievito per dolci (controllare il prontuario Aic)

Amalgamare tutti gli ingredienti (a parte il lievito) a vel 5 per 1m. e 10 sec; dopo 40 sec. aggiungere la bustina di lievito senza fermare le lame.
Mettere in forno caldo a 180° per 40 minuti circa.

Brioche a Ciambella Senza Glutine

Vecchissimo esperimento di brioche che risale al 2006, non era malaccio, andrebbe perfezionata e realizzata con il mix per brioche... ricordo che era buona appena fatta e che dopo qualche ora si asciugava irrimediabilmente, colpa del fatto che avevo usato la farina Biaglut per pane...


Brioche a ciambella senza glutine
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 4 dicembre 2006


380 g. di farina senza glutine per pane (ho usato la Biaglut per pane) 
150 g di latte 
50 g. di burro 
60 g. di zucchero 
1 uovo 
1 cubetto e 1/2 di lievito di birra


Sciogliere il lievito nel latte tiepido con un cucchiaino di zucchero, mettere nella ciotola il burro lo zucchero l'uovo ed il latte con il lievito ed amalgamare. Aggiungere la farina con un pizzico di sale, verrà fuori un impasto che si lavora bene e morbido. Io l'ho subito messo in teglia a lievitare per quasi tre ore (l'ho fatto lievitare in forno ad un temperatura di circa 37° coperto dal cellophan). 
Alla fine l'ho spennellato con il burro fuso tiepido e l'ho fatto cuocere per 30 m. a 180°. Io non ci ho aggiunto niente, ma si presta ad essere addizionata con l'uvetta, le gocce di cioccolato etc... 
Il mio consiglio è di congelare la brioche a fette, perchè tende a diventare secca prima rispetto ad una brioche "normale". 
Per il resto secondo me è piuttosto buona  e dopo tre anni di tentativi sono riuscita a mangiare finalmente una brioche!  


Questo è l'interno, ma con la luce pessima questo è il massimo che ho ottenuto 

Altra prova del 7 marzo 2007

Ho riprovato la brioche a ciambella stavolta usando soltanto la farina agluten 

Brioche a ciambella senza glutine

venerdì 1 gennaio 2010

Omino di Zenzero - Gingerbread Man

Buoni buoni buoni e coreografici, i bambini quando li vedono impazziscono e dicono subito: Sherk!


Omino di zenzero - Gingerbread Man
Ricetta da me inserita su Cucinainsimpatia il 20 dicembre 2007

Ingredienti
300 g di farina senza glutine per dolci (io ho fatto 150 g di farina di mais fioretto: in farmacia marchio Nutrifree e 150 g di Mix per crostate e biscotti)
1 cucchiaino di lievito
125 g di burro
100 g di zucchero
1 cucchiaio di latte
1 cucchiaino di zenzero grattugiato (io ho usato quello in polvere)
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
1 uovo grande
sale
Montare il burro e lo zucchero a crema spumosa.
Aggiungere il latte, la vaniglia, l’uovo, lo zenzero e la farina setacciata con il lievito ed un pizzico di sale.
Dividere la pasta ottenuta in due dischi e far riposare in frigorifero per 30 minuti.
Nel frattempo accendere il forno a 170°.
Togliere la pasta dal frigo stenderla fare le formine e cuocere per 10 - 12 minuti, controllare sempre poichè da forno a forno cambia.
Devono appena dorarsi.

Altra ricetta:

Ingredienti
250 g di farina senza glutine per dolci (ho usato il Mix per crostate e biscotti)
50 g di zucchero
60 g di burro
80 ml di melassa o in sostituzione il miele (ma non è la stessa cosa)
1 uovo
1 punta di bicarbonato
1 cucchiaino di di zenzero in polvere
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 cucchiaino di buccia di arancia grattugiata
1 pizzico di sale

Montare il burro con lo zucchero. Poi aggiungere le uova, il miele, la scorza di arancia.
Piano piano unire la farina mescolata al bicarbonato allo zenzero e alla cannella.
Unire un pizzico di sale.
Far riposare in frigorifero un paio d’ore.
Formate i biscotti  e cuoceteli a 180° per circa 7 minuti.
Non fateli colorire troppo poichè tendono ad essere croccanti.

Per decorare preparate la glassa:

1 albume
200 g di zucchero a velo
Cominciate a sbattere l’albume con una frusta e via via aggiungete lo zucchero.
Con questa glassa decorate i biscotti e sicuramente lo farete un milione di volte meglio di me!

Gli omini in piedi sono stati realizzati con la seconda ricetta, quelli distesi più chiari con la prima e Omini minimal chic, per chi non ne può più di decorare


Fiocchi di neve

Motivi di Natale


Questi li ho realizzati a Natale 2009
Li ho preparati sempre con le due ricette sopra, i biscotti più scuri molto speziati sono stati preparati con la melassa nell’impasto. Ci sono anche le "femminucce" :-)

Questa è la stella tridimensionale ad incastro… solo che non riuscivo ad incastrarla che la base si era gonfiata troppo, poi si è rotta una punta della stella  ed in qualche modo ho risolto

Questi mi sono sforzata di decorarli un po', almeno una volta l'anno posso concedermi di armarmi di santa pazienza


Un sorriso e tantissimi auguri da un Omino mooolto ordinato!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...